Come creare una casa armonica con la regola del 60-30-10

Probabilmente mi avrai già sentito parlare della regola 60-30-10, ma ho deciso di ampliare l’argomento e parlartene in maniera più approfondita, perchè mi sono resa conto che questo concetto può essere molto semplice da capire ma difficile da applicare. Quando si tratta della propria casa si ha sempre un pò il timore di lanciarsi e prendere decisioni, per paura di sbagliare. Quindi voglio spiegarti meglio la regola del 60-30-10 per creare una casa armonica, in modo comprenderla a pieno e sentirti così più sicura nelle tue scelte.

Vivere in una casa armonica è molto importante. Una bella casa, ordinata e pulita equivale a benessere puro! Non smetterò mai di ripeterlo, questi 3 aspetti sono fondamentali. La nostra casa è quel luogo in cui ci dobbiamo sentire pienamente a nostro agio, quel luogo che non vediamo l’ora di raggiungere dopo una lunga e frenetica giornata di lavoro per goderci un meritato relax.

Quindi ora ti spiegherò come realizzare una casa esteticamente armonica applicando la regola del 60-30-10. Le immagini che vedrai qui sotto rappresentano il mio stile e i miei gusti personali, ma voglio precisare che qualsiasi sia lo stile della tua casa questa regola funziona sempre.

Innanzitutto devi fare un pochino di ricerca e cercare di capire quali sono i colori e materiali che ti piacciono, cioè quelli che ti fanno stare bene. Solo in questo modo riuscirai e creare e definire la tua palette colori. (Sfoglia questo articolo che parla di Palette Colori con qualche nozione di base sui colori e le emozioni che trasmettono). Dopo aver definito i tuoi colori devi capire come dosarli ed è qui che arriva la regola del 60-30-10.

I numeri 60, 30 e 10 sono riferiti alle percentuali delle tonalità contenute nella casa. Il bilanciamento di queste 3 proporzioni consente di ottenere un buon equilibrio cromatico.

In poche parole una casa è armonica quando: 

  • il 60% dello spazio è occupato dal colore principale 
  • il 30% dello spazio è occupato dal colore secondario
  • il 10% dello spazio è occupato dal colore di accento, quello che dà il tocco originale

Puoi applicare le 3 tonalità scelte in tutte le stanze della casa, oppure puoi utilizzare la regola considerando le stanze singolarmente, cioè creando un filo conduttore come base e personalizzare ogni stanza con colori differenti. Ad esempio tieni fisso il colore principale scelto (quello del 60%) e varia le altre due tonalità oppure solo quella dell’accento.

Questa regola non è che deve essere applicata in maniera tassativa, perchè la nostra casa non contiene solamente 3 colori, ma tanti colori in nuance tra di loro, per ognuna delle 3 tonalità scelte. Quindi è importante definire le 3 tinte principali e successivamente le sue sfumature.

Per farti capire meglio, nelle composizioni qui sotto, ho utilizzato 3 tondi grandi che contengono il numero della proporzione e per ognuno ho assegnato un tondino più piccolo che ne indica la sua sfumatura, cioè lo stesso colore ma più chiaro o più scuro.

Per farti capire meglio ti mostro 5 esempi.

ESEMPIO #1

regola del 60-30-10
Regola 60-30-10 | Esempio 1

ESEMPIO #2

palette colori esempio 2
Regola 60-30-10 | Esempio 2

ESEMPIO #3

regola del 60-30-10
Regola 60-30-10 | Esempio 3

ESEMPIO #4

regola del 60-30-10
Regola 60-30-10 | Esempio 4

ESEMPIO #5

regola del 60-30-10
Regola 60-30-10 | Esempio 5

Queste case sono stupende,vero? ❤️ Le ho prese in prestito da T.D.C.

Hai difficoltà a definire la tua palette colori ideale? Se hai dubbi e vuoi un consiglio personalizzato, lasciami un commento qui sotto, rispondo personalmente ai tuoi messaggi.

Pensi che questo articolo possa interessare ad una tua amica? Clicca nei bottoni qui sotto e condividilo nei tuoi canali social.

Ciao, alla prossima!

P.S. Hai dato un’occhiata all’eBook “Il colore nei tuoi interni di casa”?

quaderno-2-il-colore-negli-interni

Con questa guida in formato digitale imparerai ad applicare il colore in modo consapevole nella tua casa, a creare combinazioni cromatiche armoniose e a donare emozione a ogni stanza.

8 commenti su “Come creare una casa armonica con la regola del 60-30-10”

  1. Salve. Che palette posso usare per una casa al mare? Le pareti sono bianco latte e il pavimento è legno beige chiaro….amo tutti gli azzurri e celesti …..
    Grazie mille

    1. Ciao Stefania. I colori che mi hai detto sono perfetti per una casa al mare dal mood naturale che evoca gli elementi marini. Aggiungi l’azzurro nei complementi di arredo: cuscini arredo, vasi e altre decorazioni. Se ti piace puoi colorare di azzurro una sola parete della stanza, quella che ritieni essere la principale e tutte le altre lasciarle bianche.
      La tua palette potrebbe essere così: marroncino (legno), crema, bianco latte, grigio chiaro, azzurro.
      Hai dato un’occhiata a questo articolo proprio dedicato a come arredare la casa al mare? https://www.rominasita.it/come-arredare-la-casa-al-mare/

  2. Buongiorno,
    Che palette posso usare per una stanza con gres finto cotto e cucina colore ciliegio e inserti in acciaio? Vorrei acquistare un nuovo tavolo ma non so come sceglierne la tonalità adatta senza inserire troppi colori.
    Grazie!

    1. Ciao Chiara. Il cotto e il ciliegio sono entrambi impattanti e molto caldi, c’è bisogno quindi di bilanciare il tutto con tonalità neutre, come i bianchi e i grigi (nel tuo caso meglio se chiari) o comunque delle colorazioni delicate che tendono al freddo (come verde salvia o azzurro carta da zucchero). Non conosco gli altri elementi presenti nella stanza, ma la tua palette potrebbe essere: 60% color cotto + ciliegio, 30% bianco e 30% grigio.
      Non so se ti è capitato di dare una sbirciata agli altri articoli del blog, ma ne ho scritto uno proprio dedicato ai colori che stanno bene con il pavimento in cotto (nella parte in alto a destra del sito trovi la barra di ricerca: digita la parola “cotto” e ti viene fuori subito l’articolo).

  3. Buongiorno! Volevo definire il 60 30 10 della mia camera.
    Nero: l’armadio grande, una cassettiera, il letto, binario della tenda e una parte della lampada a muro (forma ad anello).
    Bianco: Muri e tenda,
    Rame: lampada a muro, è un cerchio piatto.
    Marrone sul chiaro: pavimento ceramica simil legno.
    Tipo la trapunta di che colore la dovrei scegliere? Grigio chiaro? Se il mio 60 è il nero. Grazie!

    1. Ciao! Al momento non hai un 30 e un 10 perché il bianco e il marrone del pavimento occupano una superficie più o meno simile. Quindi puoi scegliere se abbinare la biancheria al bianco o al marrone. Naturalmente, come hai letto anche nell’articolo, non devi ricreare il colore esatto, ma può essere una sfumatura di esso.
      Detto ciò per la biancheria del letto sceglierei: un bianco sporco o grigio chiaro (così il bianco diventa il 30% e il marrone il 10%) oppure un nocciola o grigio caldo (il marrone diventa il 30% e il bianco il 10%). Il rame si assomiglia al marrone, quindi si accoppia con quello.
      Inoltre giocherei con i cuscini decorativi con pattern o fantasie che richiamano il nero e gli altri colori presenti, ad esempio anche il rame.

  4. Ciao!
    Io ho uno splendido divano vintage in pelle rosso ed una cucina economica rosso scuro (forse porpora, faccio fatica con il nome dei colori). Devo costruirci intorno un open space (cucina e salotto). Il pavimento è in ceramica più o meno panna con pochissimo marrone. Puoi darmi qualche dritta? Grazie

    1. Ciao Maria, non ho capito una cosa: la cucina la vorresti cambiare? In generale sono presenti diversi colori caldi (rosso, panna e marrone), quindi opterei sicuramente nella scelta di tonalità neutre e, perché no, qualche piccolo elemento decorativo che vada a contrasto in tono più freddo (azzurri e verdi), come ad esempio nell’oggettistica, nelle immagini dei poster o nei pattern dei cuscini decorativi del divano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shopping Cart